Covid-19, ok ai test preclinici per un vaccino italiano

Coronavirus

Takis, azienda biotech di Castel Romano, vicino Roma, annuncia di essere pronta a testare il suo vaccino Covid-19 sui modelli pre-clinici. L’autorizzazione arriva dal Ministero della Salute e rappresenta il primo passo per portare il vaccino all’uso umano. I ricercatori di Takis sono gli unici in Italia e i primi in Europa ad accedere a questa fase della sperimentazione.

Già alla fine di Gennaio, l’azienda aveva annunciato di voler realizzare un vaccino contro il Coronavirus. In queste settimane il nostro paese è diventato uno dei più colpiti dall’epidemia Covid-19, rendendo ancora più urgente la ricerca di vaccini e terapie efficaci. Oggi i ricercatori di Takis ribadiscono il loro impegno e quello della ricerca italiana, mettendo a disposizione la loro competenza nel campo dei vaccini e dell’immunologia. I primi risultati della sperimentazione pre-clinica saranno disponibili già ad aprile. “Questa è la dimostrazione di come un gruppo di validi ricercatori abbia deciso di accettare una sfida molto ardua e di rimboccarsi le maniche, riuscendo ad identificare in tempi rapidi le strategie migliori per sviluppare un vaccino ed avviare i test preclinici. La sfida è iniziata” ha dichiarato Emanuele Marra, Direttore dell’area delle malattie infettive e Partner della Takis.

Il prodotto di Takis è un vaccino genetico, che contiene solo un frammento di DNA: è sicuro e induce una forte risposta da parte del sistema immunitario. Si basa su una tecnologia chiamata elettroporazione, che consiste nell’iniezione nel muscolo del paziente seguita un brevissimo impulso elettrico che ne facilita l'ingresso nelle cellule e attiva il sistema immunitario. Lo sviluppo del vaccino si appresta ora ad entrare in una fase molto importante, quella della sperimentazione pre-clinica, che fornirà dati preliminari sulla sua efficacia e tollerabilità e che sarà realizzata in parte grazie anche alla collaborazione dell’Istituto Spallanzani di Roma, che condurrà esperimenti sulle cellule per verificare la capacità del vaccino di bloccare la replicazione del virus.

“Le informazioni che si otterranno da questi studi iniziali non solo serviranno come base per lo sviluppo del vaccino ma saranno estremamente utili per la creazione di tools di immunizzazione per la generazione di anticorpi monoclonali neutralizzanti.” Ha dichiarato Giuseppe Roscilli, Direttore dell’ area sviluppo anticorpi monoclonali e partner della Takis.

“Se i risultati saranno soddisfacenti, il vaccino potrebbe già essere testato sull’uomo nel prossimo autunno.” – ha dichiarato Luigi Aurisicchio, Fondatore e Amministratore della Takis. “La Takis è l’unica azienda in Italia ad essere arrivata a questo punto. Obiettivo raggiunto grazie alla dedizione dei nostri ricercatori e senza alcun tipo di finanziamento esterno. Ma ora Takis ha bisogno della collaborazione delle istituzioni e di chiunque sia in grado di contribuire. Anche per questo, nei giorni scorsi in mancanza di finanziamenti pubblici per la Ricerca, abbiamo lanciato una campagna di crowdfunding che ha lo scopo di raccogliere velocemente la somma necessaria per accedere alle fasi successive di sviluppo del vaccino, ossia la preparazione del vaccino su larga scala e l’esecuzione dello studio clinico.” .

Takis rappresenta una eccellenza italiana ed è la dimostrazione di quanto sia importante investire nella Ricerca scientifica per preservare la salute delle persone. Speriamo che l’Italia lo comprenda al più presto.

Per la campagna di Crowdfunding: https://www.gofundme.com/f/il-vaccino-italiano-contro-covid19

Coronavirus, COVID-2019, Takis, virus, test preclinici

Login Form

Veterinary Immunotherapy and Translational Research

Contacts

  • E-Mail:

    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

  • Veterinary Immunotherapy and Translational Research
  • C.F. 97903190581

Policy

VITARES
© Copyright 2020
Tutti i diritti riservati.