Capibara: i giganti roditori gentili con un sistema immunitario “super”!

capybaras

Il capibara è un roditore “gigante”, il più grande al mondo. Niente paura, non vi capiterà di incontrarlo per caso, a meno che non viviate in Sud America. E comunque, sarebbe con ogni probabilità un incontro piacevole. Sono animali docili e amichevoli: non è raro sorprenderli in compagnia di altre creature, che spesso ne approfittano anche per…” chiedere un passaggio”, come nella foto. Oltre a essere gli inconsapevoli protagonisti di scatti divertenti, i capibara hanno anche evoluto una strategia unica per difendersi dal cancro, usando il sistema immunitario. 

Gli animali di grossa taglia sono composti da più cellule, che proliferano e rischiano di accumulare mutazioni nel loro DNA. Sulla base delle nostre conoscenze, diremmo che la loro probabilità di sviluppare un tumore è alta... ma è proprio così? Teoria e pratica non sempre combaciano, specialmente in biologia. Se l’argomento vi incuriosisce, leggete i nostri articoli sul paradosso di elefanti e balene: nonostante le dimensioni colossali, il cancro è per loro un'eventualità molto rara. 

Roditori giganti
I roditori sono generalmente molto piccoli, caratteristica che gli permette, ad esempio, di sgattaiolare via e sfuggire ai predatori. I capibara sono roditori atipici: gli adulti raggiungono tra i 105 e i 135 cm di lunghezza e pesano tra i 35 ei 65 chili, con punte di 70 kg per alcuni esemplari. Vivono sulle sponde del fiume e dei laghi, nelle paludi e in generale nei luoghi umidi delle zone tropicali e temperate del Sud America, dove i loro antenati giunsero circa 40 milioni di anni fa. I capibara sono i più "grandi" della famiglia: i loro parenti sono tutti roditori di dimensioni normali. Ma perché questo aumento delle dimensioni corporee?

capybaras1

Forse i capibara sono cresciuti semplicemente perch hanno potuto farlo Quando giunsero in Sud America, non c'erano quasi predatori, nessuno da cui fuggire: nessuna ragione evolutivamente valida per restare piccoli. Ma anche essere “enorme” ha il suo prezzo: le densità delle popolazioni sono più basse, i tempi di generazioni più lunghi e i tassi di riprooduzione inferiori.. e soprattutto, bisogna difendersi dal cancro. Aumenta il numero di cellule e quindi anche la probabilità che una di queste possa impazzire. 

La risposta nel DNA

Ipotizziamo che i capibara siano cresciuti di più di un ordine di grandezza grazie all'assenza di predatori ... ma come è stato possibile?

Possiamo cercare le risposte nel DNA. Gli scienziati hanno scoperto che questi roditori hanno una particolare forma di insulina che fornisce alle cellule energia a sufficienza per proliferare di più.

E per quanto riguarda il cancro?

Esaminando il genoma del capibara, gli scienziati hanno scoperto due geni associati all'azione antitumorale mediata dai linfociti T.

In poche parole, il loro sistema immunitario è particolarmente efficace nel riconoscere e distruggere le cellule tumorali. Insomma, i capibara avrebbero "inventato" l'immunoterapia molto prima di noi!

Per quanto ne sappiamo, questa strategia è unica, persino tra gli animali di grandi dimensioni. La medicina umana possono prendere spunto da questi grossi simpatici roditori e dagli altri animali che hanno evoluto strategie più o meno efficaci per combattere il cancro. 

Erika Salvatori

Fonte:
Santiago Herrera-Álvarez, et al. How to make a rodent giant: Genomic basis  and tradeoffs of gigantism in the capybara, the world’s largest rodent. bioRvix

 

sistema immunitario “super”, capibara

Login Form

Veterinary Immunotherapy and Translational Research

Contatti

  • E-Mail:

    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Policy

VITARES
© Copyright 2019
Tutti i diritti riservati.